ASSODIMI - ASSONOLO

Associazione Distributori Noleggiatori
Centri Assistenza e Formazione
di macchine e attrezzature strumentali

Il noleggio 3.0

Il noleggio 3.0

Scambio macchine fra imprese di costruzioni, tariffe modulabili come gli aerei, servizi di assistenza monitorati in tempo reale.




 

Il noleggio in Europa si sta evolvendo velocemente ed è importante anticipare le tendenze che nell’arco di alcuni anni arriveranno anche nel nostro paese (o sono già arrivate). Pensate quanto l’avvento delle tariffe modulabili dei voli low cost ha completamente cambiato un comparto e come i sistemi di prenotazione alberghiera integrata hanno obbligato il settore ad evolversi. L’evoluzione del settore turismo sembrava quasi arrestata quando si sono presentati nel mercato sistemi di scambio casa in tipo Airbnb o HomeAway. Anche il trasporto e l’autonoleggio si stanno evolvendo pensate alle polemiche su Uber o al carsharing Enjoy o al passaggio retribuito BlaBlaCar .

Cercheremo di introdurre 4 nuovi strumenti/opportunità/incognite che si stanno muovendo anche in Italia:

  • Sistemi di scambio macchine fra imprese di costruzioni
  • Tariffe noleggio modulabili con sistemi di Yield Management
  • Gestione assistenza interna ed esterna tramite tablet e smartphone
  • Ricerca noleggiatori

 

1)In Francia già da 18 mesi si sta sperimentando un nuovo applicativo web denominato Dispatcher (alcune prime informazioni reperibili en.dispatcher-pro.com) che fra le varie opzioni permette di scambiarsi le macchine fra imprese di costruzioni. Oltralpe il sistema ha già circa un migliaio di aderenti ma considerando le dimensioni dell’imprese di costruzioni tutt’ora viene usato quasi esclusivamente per il monitoraggio delle macchie di proprietà. In Italia da circa 6 mesi è iniziata la sperimentazione ristretta ad un gruppo di imprese del nord. La versione Italiana prevede la gestione del personale di cantiere, degli approvvigionamenti e lo scambio di macchine fra imprese di costruzioni e in seconda battuta in caso di mancanza di disponibilità anche l’invio di richiesta ad un gruppo di noleggiatori che “dovrebbe” formulare un preventivo in tempo reale.

La procedura di ricerca del “noleggio” sarebbe così svolta:

  1. l’impresa di costruzioni ha necessità di una o più macchine in una zona e richiede al sistema di elencargli aziende limitrofe che le posseggano e che siano utilizzabili.
  2. Per ogni macchina non disponibile viene chiesto il supporto alle aziende di noleggio permettendo la scelta della migliore offerta
  3. le macchine vengono portate al cantiere dell’impresa con la modulistica preparata dal sistema web, il capo cantiere è “tenuto” al controllo della macchina e informare il proprietario di eventuali anomalie (metodo inverso rispetto a quello comunemente usato nel noleggio)

Di seguito il video esplicativo pubblicizzato nel sito

Il sistema tutt’ora risulta ancora lontano dall’essere usato in maniera capillare, sia per via della cultura italiana del possesso (è difficile fidarsi di dare una macchina propria ad un’impresa sconosciuta), che per i problemi di carattere burocratico/sicurezza. Questo applicativo esiste, è già in fase di attivazione e l’associazione dei costruttori sta valutando di fornirla gratuitamente alle proprie ederenti.



 

2)Di Yield Management abbiamo parlato spesso sia nelle nostre comunicazioni che con esperti al congresso di Riccione. Il sistema economico si basa sul poter modulare le tariffe di noleggio in base a dei parametri tra un valore minimo (costo fisso + spread) e un valore massimo (valore massimo di mercato locale). Gli alberghi e i voli aerei che hanno grandi costi fissi stanno utilizzando questi metodi da anni. L’utilizzo presuppone una conoscenza dei costi fissi molto elevata e un approccio informatico evoluto. In Svizzera la società FastRent https://fastrent.ch/ sta da tempo sperimentando il sistema di tariffe modulabili in base alcuni parametri come il meteo, il tasso di utilizzo giornaliero e storico ed il giorno della settimana

Ad esempio nel listino dinamico successivo si nota come la Pala parta da un prezzo minimo di 38 franchi svizzeri per il noleggio domenicale(che però deve essere necessariamente collegato ad un altro giorno), ai 60 franchi per il mercoledì dove è prevista neve ai 112 per gli altri giorni


In Italia meccanismi del genere sono per ora solo di appannaggio dell’autonoleggio e non ci risultano aziende in fase di sperimentazione, il mercato delle costruzioni non è ancora pronto ad organizzare il proprio lavoro in base alle tariffe migliori (è purtroppo vero il viceversa), ma come il punto precedente anche questo rientra nell’ottica futura. E’ altresì vero che le imprese di costruzioni necessitano di conoscere disponibilità e tariffe in maniera veloce.

3)L’assitenza sia interna alla propria realtà aziendale che come fonte di business rivolta alla propria clientela deve essere gestita in maniera organizzata. Problemi di trasparenza, gestione del personale e processi basati ancora sulla carta sono stati risolti da nuovi strumenti informatici. Un’azienda italiana specializzata nella gestione della sicurezza dei parchi divertimento asiatici si sta affacciando al mondo del service delle macchine industriali. Utilizzo di interfacce semplificate all’interno di strumenti come tablet o smartphone con integrazioni in tempo reale per avere reportistiche trasparenti da fornire ai propri clienti e committenti permettono di ottenere gestioni avanzate, certificate e sicure della propria rete di assistenza.

Il cliente (azienda, privato, P.A.) può conoscere in tempo reale lo stato della sua commessa (manutenzione, verifica, processo di lavoro), il gestore dell’officine controllare come i propri addetti svolgano i lavori (ore di lavoro, zone di lavoro, fotografie, trasferte), i meccanici sono aiutati con checklist, video tutor, elenco commesse in tempo reale ed altro materiale di supporto. Il tutto con interfaccie iper semplificate e utilizzabili con un solo dito. Meccanismi del genere servono per migliorare la gestione operativa dell’assistenza rendendola più competitiva.

4)Durante un incontro un imprenditore che ha partecipato alla costruzione della variante di valico Bologna-Firenze ha fatto notare come sia complicato cercare macchine a noleggio, le referenze dei noleggiatori e magari le tariffe di noleggio. Ormai quasi tutti i noleggiatori professionisti hanno siti web indicizzati bene ma lato impresa non sempre è facile appoggiarsi esclusivamente sulla classica ricerca offerta da motori di ricerca come Google. Anche nell’autonoleggio, nel turismo, nelle assicurazioni ecc esistono sistemi di aggregazione che aiutano il cliente nella scelta migliore del proprio fornitore di servizi. Scelta che non si limita solo al controllo del costo ma permette di confrontare altri parametro (distanza, affidabilità, servizi inclusi ed esclusi ecc). In Italia sono presenti da anni alcuni siti web di aggregazione del mondo del noleggio ed altri si stanno avvicinando. Ancora le ricerche di noleggio sono percentualmente molto basse ma con una visione futura è importante già prendere conoscenza del fatto che sistemi del genere saranno alla portata di ogni utilizzatore del noleggio. Assodimi ha rimodultato il proprio sito web in tal senso e sta pensando a nuovi strumenti di ricerca avanzati.

 

Assodimi vi terrà informati dell’evoluzione tecnologia del mondo delle costruzioni e noleggio

 


Notizia del socio:

Contattaci

Campi Richiesti *